mercoledì 19 aprile 2017

Aci Catena: qual'è la reale situazione economica del Comune?


Nella giornata di ieri, il Commissario Straordinario dott. D’Agata ha evidenziato la drammatica situazione finanziaria in cui versano le casse del nostro comune.
Il M5S di Aci Catena sottolinea come sia assolutamente necessario un immediato cambio di rotta da parte dell'amministrazione catenota, sia sotto il profilo della legalità, che sotto il profilo della trasparenza
Gli abusi che sono stati commessi negli anni passati - e perpetrati sino a qualche mese fa - sono una ferita al territorio che potrà essere sanata solo se alla prossima tornata elettorale i cittadini catenoti sceglieranno di mandare al governo di Aci Catena una classe politica onesta e competente, che faccia gli interessi dei cittadini anziché i propri
Puntare al risanamento morale e finanziario del nostro comune è una delle ragioni che ci hanno spinto a scendere in campo e candidarci
Al tal fine, denunceremo alle competenti autorità giudiziarie gli eventuali danni economici che si sono verificati e ci batteremo affinché le conseguenze non ricadano sulle spalle dei cittadini
In ogni caso, nei prossimi giorni chiederemo all' attuale amministrazione di chiarire, con estrema precisione, la reale situazione finanziaria del comune e non ci accontenteremo di risposte vaghe.
I cittadini di Aci Catena meritano di sapere come la politica ha gestito i loro soldi finora.

Aci Catena 19/04/2017

Bartolomeo Tagliavia

Candidato Sindaco M5S Aci Catena
Enrico

sabato 15 aprile 2017

QUALE GIUSTIZIA, QUALE LEGALITA': Invito alla Conferenza del Movimento 5 Stelle Aci Catena


Il Movimento 5 Stelle di Aci Catena, incontrerà i cittadini in una conferenza dal titolo "Aci Catena, quale giustizia, quale legalità". L'incontro si terrà alle ore 16.30 di mercoledì 19 aprile presso il teatro parrocchiale della chiesa Matrice di via Badia n°3, Aci Catena.

Interverranno:
  • Dott.ssa Alfia Milazzo, Presidente della Fondazione Città Invisibile e Coordinatrice Agende Rosse - Catania;
  • Dott. Luciano Mirone, scrittore, giornalista de "I Siciliani";
  • Salvo Fiore, coraggioso Imprenditore antiracket;
  • Stefano Zito, portavoce del M5S all' A.R.S., membro della Commissione Antimafia;
  • Bartolomeo Tagliavia, candidato Sindaco del M5S per Aci Catena;
  • Mario Ravidà, scrittore, già Commissario della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, candidato Consigliere Comunale M5S Aci Catena.

Alla luce dei gravissimi fatti giudiziari degli ultimi anni, invitiamo tutti i cittadini a partecipare per discutere di un tema importante del quale dovranno tenere conto le future amministrazioni nelle loro scelte politiche.
Il Movimento 5 Stelle di Aci Catena si pone come forza alternativa al passato e crede fermamente che dei politici onesti, oltre che competenti, siano il requisito fondamentale per la rinascita economica e culturale del territorio.
 

mercoledì 12 aprile 2017

Bartolomeo Tagliavia è il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle Aci Catena




Sono trascorsi quasi 5 anni dalla nascita del Meetup del Movimento 5 Stelle Aci Catena, dal momento in cui semplici cittadini hanno deciso di diventare parte attiva nella vita politica del paese per renderlo migliore, più bello, più trasparente. Oggi, dopo tanto cammino fatto insieme ai nostri compaesani, ascoltando e facendo nostre le loro proposte, i loro sfoghi, le loro denunce, siamo giunti ad una decisione importante.

Il nostro gruppo dopo anni di attività, che ci ha visto unica forza di opposizione extraconsiliare, sarà presente con la lista del Movimento 5 Stelle Aci Catena alle Amministrative di giorno 11 giugno, ed avrà l’onore di essere rappresentato come Sindaco e Capolista da Bartolomeo Tagliavia. 

Vogliamo ricucire lo strappo fra cittadini e istituzioni provocato dalla classe politica catenota, che ha tradito la fiducia della comunità di persone che l’ha eletta per rappresentare, con diligenza e onestà, gli interessi di tutti e non quelli personali.

Presenteremo la lista in piazza fra i cittadini, dove siamo stati per cinque anni e dove continueremo ad essere presenti anche quando saremo dentro le istituzioni. Vi aspettiamo quindi Sabato 22 Aprile dalle 17.00 in Piano Umberto per la presentazione ufficiale del candidato sindaco Bartolomeo Tagliavia e della lista dei consiglieri. Parteciperanno all'evento la nostra portavoce all'ARS Angela Foti ed il nostro portavoce al Senato Mario Giarrusso.


#AciCatena5stelle adesso è un sogno realizzabile.

giovedì 23 marzo 2017

Aci Catena: Conferenza Stampa M5S sul caso "Gettonopoli"


Si è tenuta in data 20/03/2017 la conferenza stampa del M5S Aci Catena sul caso “Gettonopoli”. Erano presenti, oltre a Bartolomeo Tagliavia del M5S Aci Catena, anche l’avv. Christian Petrina, la deputata all’ARS On. Angela Foti ed il Senatore Mario Giarrusso. La conferenza viene aperta dall'attivista Bartolomeo Tagliavia, con un breve riassunto della vicenda Gettonopoli. In data 16/13/2017 il GUP dott. Cariolo si è espresso sulla richiesta di rinvio a giudizio del P.M. dott. Regolo, accogliendo le richieste per 7 degli 11 consiglieri accusati a vario titolo ed in diversa misura di truffa, e di falso (alterazione dei verbali).
“Questa decisione dimostra che il lavoro svolto dagli attivisti pentastellati catenoti ha portato a dei risultati reali e concreti, e non, come in molti volevano fare credere, che tutte le accuse erano un castello campato in aria“. “Quest’ulteriore pagina non rende orgoglioso il M5S del risultato ottenuto, anzi è un’ulteriore pagina nera per il nostro Comune, che si aggiunge a quella ancor più nera che ha interessato il nostro Sindaco”.  
L’on. Angela Foti, precisando che la Giustizia dovrà fare il suo corso, ha focalizzato l’attenzione sui cittadini, “che sono stufi e che non sono più disposti a ricadere nelle stesse promesse, una vera svolta, un’innovazione è necessaria, ed è disponibile attraverso il M5S.
L’avv. Petrina ha puntato l’attenzione sulla novità che gli attivisti del M5S hanno portato nei comuni, Cittadini, dentro e fuori le istituzioni che segnalano senza paure ciò che non si ritiene legittimo”.
Il sen. Giarrusso, ha evidenziato come i casi “Gettonopoli” siano molto diffusi nei comuni dove il M5S ha chiesto gli atti da esaminare.
“Era un modo di fare della vecchia politica dei consiglieri comunali, per raggranellare una cifra mensile, partecipando ad innumerevoli sedute di commissioni”.
“Se un consigliere inizia ad imbrogliare i cittadini solo per prendere più soldi, allora da cittadino posso pensare che con lo stesso modo affronteranno problemi più grandi: Gestione Rifiuti, PRG”.
Il sen. pone particolare attenzione a “Quanti (i consiglieri)  sono usciti da questa inchiesta giudizialmente, non escono certamente dal giudizio dei cittadini, perché erano presenti e sapevano cosa stava succedendo. Perché se lo hanno capito gli attivisti del M5S dall’esterno dovendo accedere agli atti, loro questi atti li vedevano compiere, perché partecipavano alle commissioni. Saranno pertanto innocenti dal punto di vista penale, ma sono responsabili perché questa azione di controllo sull’operato dei loro colleghi avrebbero dovuto farla loro, prima ancora che dei semplici cittadini”.
“Qua il problema non è essere condannati in Tribunale, il problema è di dire ai cittadini di Aci Catena, che ci si accordava in Comune, per partecipare in contemporanea a più sedute di commissione senza che nessuno dicesse, scusate ma vi sembra lecito? ma vi sembra giusto questo, alle spalle dei cittadini? Questo devono spiegare anche quelli che sono usciti dalle inchieste”.
“Li aspetteremo in campagna elettorale, e chiediamo ai cittadini di Aci Catena quando queste persone si presenteranno per chiedere il voto, chiedetegli conto delle loro azioni, di cosa hanno fatto e perché un gruppo di ragazzi fuori dal  Comune ha trovato queste cose che Voi non avete visto”

MoVimento 5 Stelle Aci Catena


mercoledì 15 marzo 2017

Aci Catena: Passeggiata per "Le Vie dell'Acqua"


Dai Nostri Attivisti Mario Failla e Giuseppe Sciuto
 
Le Vie dell’Acqua” è il nome dell’itinerario, istituito nel 2015, che si sviluppa per le vie dei mulini ad acqua e ricade in parte nel territorio di Aci Catena. Oltre piano Reitana, noto soprattutto per la lavorazione dei lupini, alcune delle vie dell’itinerario saranno oggetto della passeggiata in programma il 26 marzo 2017.
L’intera area dei mulini sorge all’interno di un avvallamento naturale, il cui suolo, prevalentemente argilloso e impermeabile, causa l’affioramento di numerose sorgenti, cui si sommano i corsi d’acqua confluenti dalle zone a monte. La loro presenza, il microclima dovuto alla presenza di diverse timpe che circondano la zona e la fertilità dei terreni hanno favorito, sin da tempi antichissimi, l’insediamento di civiltà, come dimostrano la presenza delle terme romane di Santa Venera al Pozzo, all’interno delle quali sgorga una sorgente di acque sulfuree.
Diverse attività produttive si sono sviluppate nei secoli e, ancora oggi, sono presenti, anche se in disuso, alcuni dei mulini per la macinazione del grano, attivi durante il XV e XVI secolo.
Le terme romane rappresentano il fulcro di un territorio che offre risorse culturali e paesaggistiche che oggi andrebbero valorizzate in maniera adeguata.
L’area dei mulini e i percorsi che al suo interno si districano costituiscono una parte di Aci Catena che gli stessi catenoti non hanno potuto conoscere e vivere pienamente.
In tanti si impegnano affinché le istituzioni diano la giusta rilevanza ai molteplici elementi che rendono suggestivo un territorio in cui storia, natura, mito e poesia sono legati indissolubilmente.
In tal senso è doveroso fare riferimento al Dott. Filippo Pulvirenti che ha condotto degli studi, a partire dalla propria tesi di laurea, sulla presenza di elementi paesaggistici appartenenti all’area delle terme e corrispondenti alle descrizioni che il poeta romano Ovidio fornisce nel poema epico Le Metamorfosi, narrando il mito di Aci e Galatea.
In particolare il Dott. Pulvirenti, nel suo libro intitolato “Quell’amaro macigno” (Aci San Filippo, 2002), evidenzia dettagli da lui stesso definiti non casuali e riportati dal poeta latino, come il macigno che Polifemo scagliò contro il pastorello Aci, oltre la rupe sotto la quale quest’ultimo incontrava la ninfa Galatea.
Un grosso masso, simile alla descrizione fatta da Ovidio, si trova all’interno dell’area archeologia di Santa Venera al Pozzo e al di sotto di esso sgorgano e si mescolano sorgenti di acqua sulfurea, a tratti rossastra, e sorgenti di acque chiare, che richiamerebbero, appunto, il sangue di Aci che si stinge tramutandosi in acqua, mentre gli dei, ascoltando le suppliche di Galatea, compiono la metamorfosi del giovane pastore in fiume.
Nei secoli successivi, dallo stesso fenomeno ebbe origine la leggenda del martirio di Santa Venera, che, secondo la tradizione locale, fu decapitata e la sua testa gettata nel pozzo vicino la sorgente, da cui sgorgano le acque sulfuree.
In questo e in altri suoi lavori riguardanti ad esempio il mito di Dafní, Filippo Pulvirenti auspica che questi luoghi siano opportunamente valorizzati, ad esempio mediante l’istituzione di un parco letterario e di itinerari che darebbero impulso all’economia ma soprattutto costituirebbero un legame tra la comunità e il territorio.
Noi Attivisti del M5S Aci Catena, mediante l’iniziativa Passeggiata per le Vie dell’Acqua, invitiamo i cittadini a conoscere e riscoprire le meraviglie di un territorio unico nel suo genere.


lunedì 27 febbraio 2017

Aci Catena: Differenziata Un Sogno Irrealizzabile


dal nostro Attivista Francesco Marchese


DIFFERENZIATA UN SOGNO IRREALIZABILE

Il Gruppo Attivisti M5S Aci Catena ha incontrato, giovedì 23 febbraio, il Capo Settore Ecologia Dott. Francesco Agostino per conoscere la programmazione e le modalità operative riguardo l’estensione prossima della raccolta differenziata nel territorio catenoto. Numerose sono state le perplessità manifestate dagli Attivisti, e diverse le spiegazioni ricevute dagli uffici preposti, nei quali si denota una rispettabile attività lavorativa, purtroppo resa difficile dal modus operandi della passata Amministrazione ed inevitabilmente dalla gestione attuale del Commissario Straordinario. L’1 Marzo quindi la raccolta differenziata raggiungerà, con notevole ritardo e con metodologie discutibilmente efficaci, il centro storico di Aci Catena ed i quartieri ad esso prossimi (Ordinanza n°15 del 02/02/2017 http://trasparenza.comune.acicatena.ct-egov.it/documents/4196309//18113574//ord.+15+-+ok+ok.pdf). Pur non condividendo le modalità proposte, ci auspichiamo che queste possano portare buoni risultati con la massima collaborazione della cittadinanza, anche se la totale mancanza di un sufficiente periodo formativo ed informativo porterà, a nostro avviso, a numerosi disagi e risultati mediocri.
Alla data del 26/02/2017, non è iniziata nessuna campagna informativa rivolta ai cittadini su come differenziare, e come se non bastasse buona parte degli abitanti di Aci Catena centro non ha ancora ricevuto nessun avviso dell’inizio della RD, con tutti gli oneri che ne derivano, il tutto a solo 3 giorni dal suo inizio
Se i Cittadini ce ne daranno l’opportunità, saremo noi a proporre un sistema di raccolta differenziata differente, con una progettazione e gestione ben definita, con la collaborazione di enti ed associazioni operanti nel settore ed un controllo organizzato del territorio.

Il Movimento 5 Stelle Aci Catena
Cittadini tra i Cittadini.


Aci Catena, 26/02/2017

mercoledì 1 febbraio 2017

Aci Catena: Trasparenza Partecipazione Decoro Urbano

Discariche in Via Ceuta

Bartolomeo Tagliavia (Organizer M5S Aci Catena) 


E' stata protocollata in data 01/02/2017 una nota indirizzata al Commissario Straordinario del Comune di Aci Catena dott. Vincenzo D'Agata, nella quale il M5S Aci Catena sottolinea come le azioni di questa amministrazione stiano pedissequamente ripercorrendo i comportamenti di quella passata, per quanto riguarda la Trasparenza dell'operato e la Partecipazione dei Cittadini. A distanza di mesi nulla si sa dei progetti presentati per il Bilancio Partecipativo, nonostante le ampie rassicurazioni date dal Commissario. Denunciamo inoltre lo stato di totale abbandono del nostro comune, prendendo come triste esempio quella che oggi non è più la Via Ceuta, ma tristemente diventata la Discarica Ceuta.
Comprendiamo le problematiche che una gestione commissariale possa dare, ma abdicare al degrado non è ammissibile.
Questa amministrazione, sta perdendo l'occasione di far percepire una radicale svolta dell'attività politica che ha contraddistinto la storia di questo comune.

Aci Catena, 01 febbraio 2017











video

video